.
Eolo
assitej
IL MEETING ASSITEJ DI LUBIANA
Ecco la relazione di Giovanna Palmieri del meetin che si è tenuto dal 30 Settembre al 5 Ottobre

RELAZIONE 1° REGIONAL MEETING ASSITEJ - FESTIVAL GOLDEN STICK –

LJUBLJANA PUPPET THEATRE-30 settembre-5 ottobre 2013

In occasione del Festival nazionale Golden Stick, festival of performings art for chieldren di Lubijana si è svolto il primo meeting di Assitej per la costituzione di un tavolo di lavoro e confronto tra 7 paesi invitati su iniziativa di Diana Krzanic Tepavac presidente di Assitej Serbia.

Il meeting aveva lo scopo di riunire alcuni paesi geograficamente confinanti per un primo confronto sullo stato delle cose e i percorsi attuali dei singoli paesi come a suggerito Diana un prima possibilità di messa in rete innanzitutto delle problematiche comuni e per una possibile futura cooperazione.


I paesi presenti erano: Slovenia (paese ospitante), Bosnia, Croazia, Austria, Italia, Ungheria, Serbia assenti Romania e Montenegro che erano stati invitati ma non hanno potuto partecipare, presente al meeting anche Ivica Simic segretario Assitej mondiale e Igor Bojović presidente UNIMA Serbia.

Cercherò qui di seguito di relazionare con più chiarezza possibile ciò che si è svolto nel pomeriggio intenso di lavoro, cercando di comunicare in particolare le suggestioni più forti.

Nel benvenuto del paese ospitante, la Slovenia, Jvana Djilias direttore del Teatro ospitante e ha presentato agli ospiti un interessante libro sul Teatro per ragazzi Sloveno dal titolo Young Audiences : un focus ricco di suggestioni sull’arte ed educazione all’inizio del quale vengono poste in prefazione una moltitudine di domande sul pubblico dei bambini e ragazzi ma che in generale toccano tantissime questioni che riguardano il rapporto teatro ed educazione.In particolare ha illustrato alcune problematiche sul pubblico, l’offerta e la fruizione di teatro nell’attuale momento di crisi economica.

Diana Krzanic ha introdotto il meeting sottolineando che l’invito dei paesi presenti non è stato dettato da una motivazione meramente geografica ma sulla base di suggestioni che partono dal background culturale dei paesi ospiti.Ha quindi illustrato le modalità di svolgimento del meeting che si poteva suddividere in due parti:

prima parte: relazione da parte di ogni paese sulla propria situazione politico culturale,gli scopi le idee e le buone pratiche attuali.

Seconda parte: uno sguardo alle idee e opportunità per un lavoro comune


PRIMA PARTE :


AUSTRIA ha un nuovo segretario Kai Krösche. Austria ha un gran numero di membri circa 100 molti dei quali provengono da Vienna- Stiria e Salzuburg, è stata spiegata la varietà di progetti che sta sviluppando in particolare i simposi e incontri sull’arte ed educazione nei quali sono coinvolti giovani studenti pagati con fondi europei.

 CROAZIA rappresentata da ha stilato un nuovo programma triennale e sta coltivando buoni rapporti con la politica culturale e le istituzioni del paese. Ha 25 organizzazioni membri e molti individuali. Sarà redatto un documento sulle strategie Assitej 2014-17 che potrà essere tradotto e portato a conoscenza di tutti. La Croazia è anche molto partecipe ad ASSITEJ internazionale, e ci ha invitato a sostenere il loro candidato Leo Vukelić. I membri del tavolo di lavoro sono stati anche invitati a un festival in Čakovec. Festival è stato anche menzionato come possibile luogo per la vetrina regionale nel futuro. Unima ed Assitej Croazia hanno una medesima segreteria e quindi la collaborazione è molto forte.

BOSNIA il rappresentante Sead Ulic Direttore del Teatro di Monstar ha sottolineato che dopo un periodo politicamente e istituzionalmente molto difficile il paese è ora in grado di avere due uffici di ASSITEJ (in Republika Srbska e Federacy) e dispone di un concorso per gli scrittori. I membri soci sono 17 organizzazioni e 20 individui e gruppi indipendenti. Nel paese si organizzano 7 festival nazionali e 4 internazionali. Assitej Bosnia ha una segreteria professionale da 5 anni. Ha manifestato la diponibilità a coproduzioni e progetti comuni di Teatro ragazzi e al momento è in atto un concorso per giovani scrittori il cui bando si chiude il 1° dicembre 2013.

UNGHERIA Il presidente Janos Kovak ha invitato i paesi del tavolo alla Biennale di Kaposvar marzo 2014, che potrebbe anche essere il festival che ospiterebbe la prima vetrina regionale (se non troppo presto). Questo Festival presenta 60-70 produzioni di Teatri indipendente- Teatri nazionali-Puppet Theatre e c’è la possibilità di partecipare fino alla fine di gennaio 2014. In Ungheria si sostengono molto i giovani attori e autori che trovano opportunità offerte dall’Accademia di arte drammatica inglese e dalla Puppet Academy.Assitej ha partecipato al progetto mondiale Next generation.

SERBIA Diana Krzanic ha illustrato ha presentato i progetti di Assitej Serbia nel corso dei 10 anni dalla sua nascita. I membri sono Teatri ed Istituzioni culturali (per buona parte provenienti da grandi città)- Festival-membri individuali (attori e drammaturghi) I membri sono riusciti a lavorare su: mostre, forum, formazione, festival, premi... Serbia ospita progetto Taboo (progetto di Assitej international) in novembre 2013 ed è molto aperto per altri progetti internazionali. 

La segreteria ed ufficio dell’associazione sta nel centro di Belgrado e coinvolge nell’attività molti giovani universitari volontari. Stanno lavorando anche ad un archivio del teatro ragazzi serbo e non.

SLOVENIA rappresentata da sta avendo difficoltà nella contea, e cercando di imparare il più velocemente possibile come prendere parte a progetti internazionali. ASSITEJ centro / ufficio non funziona ed è in fase di ricostituzione. Attualmente sono membri 4 compagnie istituzionali e 7 non istituzionali.

ITALIA ha presentato il nuovo comitato esecutivo e le nuove linne di lavoro, presentate nel nuovo documento di maggio 2013. E’ stata posta l’attenzione la situazione attuale di politica culturale del nostro paese sul teatro ed educazione e brevemente delineata la situazione generale del Teatro ragazzi italiano e il numero di soci attuali e quelli nuovi.Inoltre sono stati illustrati gli obiettivi prossimi e più lontani dell’associazione a partire dalla proposta del nuovo sito e del nuovo materiale informativo per Festival mondiale di Varsavia 2014 e la volontà di offrire agli altri paesi una comunicazione più generale ed al contempo dettagliata delle compagnie festival ed eventi del teatro ragazzi italiano.



Alla fine degli interventi dei singoli paesi ha portato il suo interessante e corposo contributo il segretario di Assitej international Ivica Simic sottolineando alcuni punti fondamentali per l’attività dei centri Assitej nel mondo: l’importanza del fatto che Assitej è una Asociazione riconosciuta dall’UNESCO nel diritti all’arte e alla cultura dei bambini. Difronte alla crisi economica è necessario ribadire questi diritti e la funzione in questo senso di Asitej attraverso le attività e i progetti che promuove. Quindi Assitej ha anche un ruolo quale garante della qualità delle produzioni e dei progetti di Teatro per ragazzi in una relazione di confronto continuo con il proprio pubblico. I Centri assitej devono continuare a lavorare per il riconoscimento politico e Istituzionale nel proprio paese e in tutto il mondo.A questo proposito è stato deciso di cambiare lo statuto di Assitej international per accedere con più facilità a sovvenzioni e per favorire i rapporti tra centri regionali e i rapporti internazionali.Per quanto riguarda i progetti e la comunicazione Ivica ha invitato tutti a mandare tutte le informazioni possibili alle news mensili di Asitej international per far circolare le informazioni e sviluppare i rapporti tra paesi.Pe questo l’associazione alimenta l’apertura ai network artistici in particolare ai progetti in rete già in atto: network playwrights-small size-inclusive network per il progetto inclusive disability peolple e la partecipazione al progetto Taboo che è nato in sudamerica e sta girando tutto il mondo. Quindi è necessario partecipare ai programmi globali di Assitej promuovendo nel proprio paese progetti,meeting,seminari pubblicazioni e festival in collegamento.

Al termine del confronto sono stati messi in luce alcuni problemi comuni ai diversi paesi i relazione alla crisi economica in atto relativamente alla diminuzione di finanziamenti e alla partecipazione in calo del pubblico e la crisi del rapporto con l’istituzione scolastica e le insegnanti.

Quindi sono stati fissati alcune proposte operative di attività condivisa:


1. La proposta di una VETRINA REGIONALE dei sette paesi. Ogni paese dovrebbe organizzare ogni cinque o sette anni, una. vetrina internazionale che potrebbe essere parte di una festa nazionale che già esistente

2. Nel novembre 2014 saranno 25 anni di Dichiarazione dei diritti del bambino, firmato da tutti i nostri paesi. E dovremmo attuare un’azione ( possibilmente simultanea) per la lotta per i diritti dei bambini su” LESURE TIME AND ART”. Questo potrebbe aiutare a costruire una posizione più forte dei centri nazionali ASSITEJ nella politica culturale dei paesi, e il riconoscimento dei media delle idee per cui ASSITEJ si batte.

3. La promozione della Scrittura per il giovane pubblico, sia attraverso dei concorsi o residenze per giovani scrittori internazionali.

4. favorire la visibilità di giovani artisti nei festival e la lor circuitazione,utilizzando diverse modalità, non necessariamente attraverso un grande progetto.

altri punti su cui lavorare

• Trovare un nome per la regione.

• Ricerca di fondi che potrebbero sostenere i nostri progetti comuni.

• Ricerca di buone pratiche a cui ispirarsi.

• Imparare a conoscersi di più.

• Condividere informazioni.

• Pensare e attivare progetti insieme.


Giovanna Palmieri presidente Atig-Assitej Italia



Stampa pagina  Link alla pagina

Segnala questo articolo ad un amico:

Tuo nome

Tua mail

Nome amico

Mail amico




Torna alla lista