.
Eolo
recensioni
ELOGIO DELL'OMINO DELLE BOLLE
IL TEATRO DI MICHELE CAFAGGI

ELOGIO DELL'OMINO DELLE BOLLE


Nel vario e particolarissimo mondo teatrale italiano esiste un artista che sfugge ad ogni tipo di classificazione. Potrebbe essere un clown, un caratterista, un mimo, un illusionista, un prim'attore, un giocoliere,un acrobata, un inventore di sogni, un attore autore di teatro ragazzi. Tutte queste cose insieme, o più semplicemente un bambino, ormai uomo fatto, che da vent'anni gioca sul palcoscenico, plasmandola come fosse dio, la sua materia prima: Un maestro nella sua arte perchè di arte poi si tratta!

Sì perchè Michele Cafaggi, di lui stiamo parlando, crea spettacoli con semplici bolle di sapone, spettacoli che girano non solo l'italia ma tutto il mondo.Si le bolle, proprio quelle entità diafane e leggere, simili agli elfi e alle fate che corteggiano e accompagnano Titania, composte di una materia impalpabile, come quelle dei sogni. In ognuna di esse che vediamo volteggiare per aria infatti ciascuno di noi vede e immagina quel che vuole vedere o immaginare, stimolando la fantasia, soprattutto dei bambini. Le bolle, strumenti meravigliosi del nostro stupore, che si muovono leggere nella loro costante e insistente fragilità, perchè il loro domatore, quell'acqua insaponata da cui nascono,la deve preparare attraverso un dosaggio quasi alchemico di componenti diversi. Basta sbagliarne anche la minima razione che il miracolo non si rinnova. Sono spettacoli che raccontano storie spesso sincopate che hanno nel fluire dello sguardo dello spettatore la loro intima essenza, dove il fine è la meraviglia, in un mondo che ne ha perso il senso. Dove possiamo trovare anche il senso della nostra fragile precarietà soprattutto quando osiamo andare al di là dei nostri sogni irrealizzabili. Come Houdini, Méliès, Marcel Marceau, Tati, il nostro omino delle bolle ci invita a credere nell'impossibile, cercando di scoprire la meraviglia e la poesia anche e soprattutto nelle piccole cose.

Dal 2003 al 2017 “Ouverture de saponettes” “L'omino della pioggia” “Concerto in sibe-bolle”

“ Una magnifica tempesta” “Controvento” sono state le tappe del perorso teatrale di questo artista così particolare e unico nel suo genere nel panorama del teatro italiano.

MARIO BIANCHI


Stampa pagina  Link alla pagina

Segnala questo articolo ad un amico:

Tuo nome

Tua mail

Nome amico

Mail amico




Torna alla lista