.
Eolo
recensioni
A WELS IL FIGURENTHEATERFESTIVAL
SI SONO VISTI I RISULTATI FINALI DI TEATRO FIGURA EUROPA

Nella ridente città austriaca di Wels ,dove da quindici anni Trude Kranzl organizza il suo variegato ed importante festival dedicato al Teatro di figura, abbiamo potuto vedere dal 17 al 23 marzo i risultati finali dell'integrante progetto 'Teatro Figura Europa ' ,nel quale 4 centri europei si sono scambiati esperienze ed operatori in un cammino di lavoro durato tre anni.
Per l'Italia il centro propulsivo è stato ovviamente arrivano dal mare 'di Cervia ,che ha presentato un originalissimo spettacolo dedicato a Don Giovanni ambientato su diversi livelli nientemeno che in un antico piano meccanico e che utilizza divere tecniche dai burattini alle figurine animate con esiti esilaranti. Lo spettacolo dovrà però necessariamente essere registrato dal punto di vista interpretativo per renderlo plausibile alla presentazione nelle varie piazze italiane. Tra gli altri progetti visti nell'ambito di Teatro Figura Europa il più interessante ci è parso quello dei belgi del Crea-theatre che in 'Babel ' riproducono un vero e proprio cantiere da cui esce un umanità dolente
che i cinque allievi animatori provenienti da quattro nazioni diverse rendono con perfetta abilità manipolativa. Interessante soprattutto dal punto di vista dell'allestimento è invece il francese 'Faites comme chez vous ' che reinventa la storia di una famiglia attraverso fotografie ed oggetti disseminati in una stanza con una semplificazione eccessiva dell'evolversi dei fatti storici. Ma lo spettacolo più stupefacente del festival è stato senza dubbio l'inglese 'The Seed Carriers ' di Stephen Mottram, produzione di alcuni anni fa, ma ancora di grande suggestione ,in cui l'animatore attraverso immagini di sicura presa dipinge un mondo fatto di automi e di esseri indifesi nella loro tremenda fragilità. Mottram costruisce con pochi effetti un'atmosfera davvero opprimente dove vive un microcosmo senza speranza governato dal nulla.
L'Internationales Welser figurentheaterfestival ha presentato ad un folto ed interessato pubblico, tra modernità e tradizione, più di venti produzioni Italiane,tedesche,austriache,francesi,olandesi,svizzere slovene e belghe dandoci un panorama molto variegato del teatro di figura europeo che sta sempre più allargando i suoi confini.
Tra gli Italiani alcuni dei nomi più prestigiosi del nostro teatro di figura da Claudio Cinelli a 'Controluce ' che ha presentato un originale versione della 'Sagra della Primavera ' ancora da ridefinire , dal 'Bostik 'con il suo fortunato ' Beckett Bacon ' a Luca Ronga con il suo nuovo promettente Pulcinella . A Cervia invece vedremo il progetto di Wels che vedrà in scena anche Beppe Rizzo uno dei giovani artisti più promettanti del teatro di figura italiano.

Stampa pagina  Link alla pagina

Segnala questo articolo ad un amico:

Tuo nome

Tua mail

Nome amico

Mail amico




Torna alla lista