.
Eolo
stelle lontane
Il progetto teatro&scuola dell' E.R.T F.V.G.
In un momento di crisi,lo sviluppo del progetto dell'Ente Teatrale del Friuli Venezia Giulia,un esempio da seguire

IL PROGETTO TEATRO&SCUOLA

STORIA

Il progetto Teatro&Scuola dell’Ente Regionale Teatrale del Friuli Venezia Giulia nasce nel 1988 prendendo spunto dai nuovi programmi ministeriali delle (allora) scuole elementari che introducevano nella didattica alcune discipline legate specificamente al linguaggio teatrale.
L’ERT FVG, circuito teatrale del Friuli Venezia Giulia, cui è affidata, riconosciuta e finanziata dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e dalla Regione Friuli Venezia Giulia la funzione di 'formazione del pubblico' - accanto a quella della 'promozione e diffusione teatrale' - nel decidere come impegnare i fondi a disposizione per un progetto per l’educazione dei bambini e dei ragazzi ai linguaggi del Teatro in particolare, e dello spettacolo dal vivo in generale, scelse dunque la Scuola come referente primario. Un referente che non è mai stato inteso come soggetto passivo cui offrire un 'prodotto' culturale ed educativo già confezionato, ma un referente PROGETTUALE da coinvolgere nella ideazione e realizzazione di iniziative studiate 'ad hoc' per le singole e diverse realtà scolastiche partecipanti. Partner indispensabili per la realizzazione di questo progetto sono così divenuti fin da subito e naturalmente gli Enti Locali di riferimento del territorio.
Teatro&Scuola rappresenta oggi una rete di soggetti che collaborano alla realizzazione e al finanziamento di un progetto educativo e culturale rivolto all’infanzia (dai 0 ai 14 anni). Con la Legge n. 5 del 2008 ォla Regione Friuli Venezia riconosce il ruolo svolto dall’Ente regionale teatrale del Friuli Venezia Giulia nella programmazione di progetti organici da realizzare nel territorio, d'intesa con gli enti locali e con l'Ufficio scolastico regionaleサ.

Come si struttura

Gli Spettacoli e i Laboratori di Teatro&Scuola

Teatro&Scuola ogni anno seleziona e propone, in un ricco catalogo, spettacoli delle migliori compagnie di Teatro Ragazzi italiane e straniere. Gli allestimenti proposti sono di tipologie molto diverse tra loro: alcuni sono piccoli allestimenti ospitabili all'interno degli spazi scolastici; altri, più complessi, richiedono l'utilizzo di strutture teatrali vere e proprie.
Teatro&Scuola propone agli insegnanti laboratori di formazione finalizzati all’approfondimento dei diversi aspetti dei linguaggi teatrali (drammaturgia, movimento, parola, musica, animazione) e alla trasmissione di tecniche e di strumenti che possano poi essere utilizzati autonomamente nei loro percorsi didattici. I corsi di formazione sono riconosciuti dall’Ufficio scolastico regionale per il Friuli Venezia Giulia.
Teatro&Scuola propone laboratori per bambini e ragazzi che si riferiscono ad una più generale 'educazione ai linguaggi artistici': dalla musica al movimento e alla drammatizzazione, dal rapporto con l’espressione pittorica e visiva all’utilizzo di materiali semplici per la costruzione di oggetti e personaggi.

I Progetti Speciali di Teatro&Scuola

Nati per approfondire la riflessione sulla valenza formativa del 'fare teatro per e con i ragazzi', i progetti speciali sono i motori propulsivi di Teatro&Scuola. Sono iniziative di Laboratorio Permanente sui diversi linguaggi dello spettacolo dal vivo.

Chi finanzia Teatro&Scuola Le iniziative di Teatro&Scuola sono finanziate dall'Ente Regionale Teatrale del Friuli Venezia Giulia insieme al Ministero per i Beni e le Attività culturali, alla Regione Friuli Venezia Giulia – Assessorato alla Cultura e Istruzione ed in concorso con diversi Enti Locali di riferimento del territorio. L'autonomia scolastica inoltre permette alle Scuole di contribuire autonomamente al sostegno del progetto che le coinvolge. Le famiglie infine partecipano con il costo dei biglietti di ingresso agli spettacoli.

Chi coordina Teatro&Scuola

L’Ente Regionale Teatrale del Friuli Venezia Giulia coordina e realizza Teatro&Scuola. Si occupa, in qualità di capofila, di realizzare concretamente le iniziative una volta concordate dalla rete dei soggetti coinvolti curandone ogni aspetto logistico/organizzativo, amministrativo/contabile, finanziario e promozionale. L’Ente Regionale Teatrale del Friuli Venezia Giulia cura inoltre la direzione artistica generale del progetto.

Come nascono le rassegne e le iniziative di Teatro&Scuola

Insieme allo staff organizzativo e progettuale dell’Ente Regionale Teatrale del Friuli Venezia Giulia, gli operatori scolastici e gli Enti territoriali direttamente coinvolti scelgono, sulla base delle proprie esigenze ed obiettivi per l’anno scolastico, gli spettacoli, i laboratori (sia per gli insegnanti che per gli alunni) e i progetti speciali da rivolgere alle scuole del proprio territorio, 'programmando' così le rassegne e le iniziative che nel loro complesso costituiscono Teatro&Scuola. Una volta verificata la fattibilità economica del programma, esso viene realizzato e finanziato in ogni suo aspetto dall’Ente Regionale Teatrale del Friuli Venezia Giulia in collaborazione con gli Enti Locali di riferimento dei diversi territori.

Come aderire

La scuola (o l'Ente locale) che volesse partecipare al progetto può aderire singolarmente o creando una forma di 'consorzio' fra più scuole, o tra più Enti locali, individuando con i responsabili del Teatro&Scuola il proprio programma di iniziative. Per fare ciò basta contattare l’Ente Regionale Teatrale del Friuli Venezia Giulia: attraverso alcuni incontri tra i responsabili del Teatro&Scuola, gli operatori scolastici interessati e i rappresentanti degli Enti Locali di riferimento, si studierà insieme la soluzione più opportuna ed adatta alle singole realtà.


Teatro&Scuola num. – 2009
Linee programmatiche di intervento

Rimane confermata e ulteriormente rafforzata negli obiettivi artistici ed educativi l’azione principale dell’ERT nell’ambito della formazione del pubblico rappresentata dal progetto Teatro&Scuola, un progetto dedicato al pubblico dei più piccoli (0-14 anni), articolato negli obiettivi e nei percorsi, diffuso capillarmente sul territorio regionale, e che costituisce un’importante risorsa sociale, culturale ed educativa per la regione da oltre 20 anni. Obiettivo prioritario del T&S è quello di contribuire alla creazione delle migliori condizioni per una crescita culturale e sociale delle nuove generazioni, attraverso la diffusione dell’educazione ai linguaggi del teatro ed artistici in generale.
Il Teatro&Scuola 2009 proseguirà e approfondirà le linee progettuali tracciate nelle precedenti edizioni e in particolare nell’edizione num. 20/2008. Sinteticamente i settori di intervento anche per il 2009 saranno:
Le rassegne teatrali a favore delle scuole
Laboratori e progetti speciali
Formazione degli insegnanti e degli educatori

I 'progetti di zona'

in cui è articolata l’attività del Progetto Teatro&Scuola coinvolgono i Comuni e le scuole del territorio regionale con modalità e impegni diversi e sono oramai oltre una trentina. Questi i progetti 'territoriali' in cui l’attività è articolata:
Provincia di Udine/ progetto Carnia / progetto Val Canale/Canal del Ferro / progetto Latisana/Basso Friuli / progetto Friuli collinare / progetto Tarcento/Nimis/ Magnano in Riviera / progetto Cividale del Friuli/ progetto Pic - Progetto Integrato Cultura / progetto Gemona del Friuli/ progetto Buja/ Progetto Artegna/ progetto Faedis/ progetto Remanzacco/ progetto Basaldella – Pozzuolo/ progetto Udine-città/
e altri progetti di singole iniziative
Provincia di Gorizia/ progetto Gorizia / progetto Grado / progetto Ronchi dei Legionari / progetto Romans e Gradisca d’Isonzo/ progetto Monfalcone /
e altri progetti di singole iniziative
Provincia di Pordenone/ progetto San Giorgio della Richinvelda/ progetto San Vito al Tagliamento / progetto Pedemontana (Maniago/Montereale Valcellina)/ progetto Prata/Brugnera / progetto Cordenons / progetto Sacile
e altri progetti di singole iniziative
Provincia di Trieste/ progetto Trieste
e altri progetti di singole iniziative

Ma i dati numerici, seppur importanti per dare la misura dell’intervento dell’ERT in quest’ambito, se valutati da soli non danno un’immagine completa del progetto. Oltre alla distribuzione capillare è infatti la qualificazione dell’offerta, realizzata attraverso diverse azioni, il nostro principale 'fronte' di impegno. Qualificazione innanzitutto in termini di selezione e proposta artistica; poi in termini di servizi resi agli Enti territoriali e alle scuole. Ma qualificazione soprattutto in termini educativi ancor prima che formativi. Educare alla visione, ad esercitare uno sguardo critico verso la realtà, a partecipare, sono obiettivi che perseguiamo attraverso proposte di incontro fra i bambini e ragazzi e il teatro – e più in generale con l’arte – in un contesto preparato e attento.

La selezione delle proposte

Le proposte 2009, sulla scia del successo registrato lo scorso anno, sono presentate alle scuole articolate in 'Bretelle teatrali', itinerari su uno specifico tema (teatro musicale, teatro di figura ecc), che - comprendendo laboratori per bambini e insegnanti e visione di specifici spettacoli – rappresentano una proposta coordinata e coerente a servizio degli insegnanti e degli alunni della regione. Le bretelle 2009 sono: 'Fare Teatro', 'Teatro di Figura', Lettura e narrazione', 'Teatro e Musica', 'Teleracconto', 'Arte'.
Raccolgono 18 proposte di aggiornamento insegnanti, 23 proposte di laboratorio per gli alunni, 9 progetti speciali e la selezione di 20 titoli di spettacolo che completano la proposta tematica. Inoltre nello stesso strumento cartaceo che presenta questi percorsi tematici - denominato 'L’astuccio delle proposte' - sono raccolti e presentate alle scuole 52 spettacoli prodotti dalle principali compagnie nazionali del Teatro Ragazzi e dalle produzioni regionali.

Le rassegne teatrali

Ogni anno Teatro&Scuola realizza oltre 200 repliche di spettacolo. Le rassegne coinvolgono gli alunni dai nidi alle scuole secondarie di primo grado per un totale di oltre 40.000 presenze per ogni edizione.
Il progetto 'Q.B. quanto basta per andare, stare e… tornare a teatro' (realizzato in collaborazione con l’Associazione 0432 Theatre Numerique e di Gianluca Buttolo), progetto di educazione all’ascolto e alla visione è il cardine fondamentale dell’attività del Teatro&Scuola nell’ambito delle rassegne teatrali. Il progetto, dopo la fase sperimentale dedicata alle scuole primarie e dell’infanzia, proseguirà nel 2009 con la sperimentazione alle scuole secondarie di primo grado e nell’ambito delle rassegne per le famiglie 'Piccolipalchi' a cura dell’ERT FVG.
Q.b. ha scelto come strumento principale per veicolare le sue proposte il personale di sala, il personale cioè che accoglie a teatro, o coordina a scuola, gli spettatori. Siamo giunti a questa formula di intervento - che ha come cardine la professionalità e la specializzazione del personale di accoglienza - non soltanto perché l’unica realizzabile sul territorio regionale – ambito di azione del Teatro&Scuola - in maniera sistematica e organica, ma anche perché riteniamo che le professionalità a servizio dell’infanzia, quali esse siano, non possano prescindere da obiettivi e metodi educativi e da una specifica preparazione. In quest’ottica l’accoglienza a teatro dei bambini e dei ragazzi è un momento prezioso di contatto, la porta attraverso cui l’occasione può farsi esperienza. Non solo per gli alunni, ma – a nostro parere - anche per coloro che stanno intraprendendo un percorso di studi che li porta ad entrare in contatto con l’infanzia.
Q.b. quindi innanzitutto è selezione e preparazione del personale attraverso una serie di corsi aperti non solo ai dipendenti dell’ERT FVG, ma a tutti coloro che sono interessati ad approfondire il tema dell’accoglienza e della fruizione artistica e culturale da parte dell’infanzia. In particolare Teatro&Scuola ha avviato una preziosa collaborazione con la Facoltà di Scienze della Formazione di Udine mettendosi a disposizione degli studenti per un’esperienza concreta di studio e qualificazione professionale.
Q.b. poi si articola di molteplici azioni che scandiscono le diverse tappe dell’andare a teatro con i bambini: Prima dello spettacolo: q.b. entra in gioco nel momento in cui gli insegnanti – nostri riferimenti primari nella programmazione delle attività di Teatro&Scuola – scelgono di aderire ad uno spettacolo con le proprie classi concordando con il Teatro&Scuola la propria rassegna. A questo punto q.b. suggerisce un percorso di riflessione non tanto legato allo specifico titolo in programma, ma piuttosto sull’andare e stare a teatro come esperienza estetica proposta ai bambini e ai ragazzi.
Obiettivo di ogni proposta è favorire il giusto atteggiamento di ascolto nei bambini affinché l’esperienza dello spettacolo possa essere la migliore possibile. Le azioni suggerite vengono riassunte e proposte attraverso una serie di materiali di cui alcuni a stampa inviati a scuola prima dello spettacolo, parte rivolti agli insegnanti e parte rivolti alle classi: All’arrivo a Teatro (o a scuola): Gli alunni vengono accolti con una speciale attività di animazione realizzata dal personale di sala, poco più di un benvenuto, il cui scopo principale è decomprimere l’eccitazione dell’arrivo a teatro e favorire la concentrazione fornendo nel contempo alcune 'regole' di convivenza civile a teatro. Questa attività viene poi ripensata e ampliata nel caso in cui lo spettacolo venga ospitato a scuola, cosa che generalmente accade per le scuole dell’infanzia. Viene distribuito poi agli alunni un pieghevole a stampa che riassume il piccolo vademecum di comportamento proposto.
Dopo lo spettacolo: si suggeriscono alcuni spunti per percorsi di elaborazione dell’esperienza; Teatro&Scuola raccoglie sistematicamente i materiali frutti delle più diverse elaborazioni dei bambini. Tale materiale è una preziosa fonte di studio e di riflessione per gli operatori del teatro e della scuola.

Gli spettacoli:

Da segnalare nel calendario di spettacoli di quest’anno, la presenza di 'Romanzo d’infanzia' storico spettacolo di teatro ragazzi che calca le scene dal 1997 con centinaia di repliche in tutto il mondo e diversi riconoscimenti. Lo spettacolo, nato dal sodalizio artistico tra Michele Abbondanza, Letizia Quintavalla e Bruno Stori, sarà rappresentato in unica data al Teatro Comunale di Monfalcone. Accanto alla riproposta di questo storico spettacolo, molti sono i titoli che riguardano le nuove produzioni, a partire da Mamma di terra della compagnia Il Melarancio di Cuneo spettacolo per i piccoli nato anche grazie al percorso fatto lo scorso anno con le scuole dell’infanzia di Moggio, Resia e Pontebba. Sempre per i più piccoli Teatro&Scuola ospiterà Ba ba della compagnia Piccoli Principi, uno spettacolo sull’arte moderna e sulla sua capacità di stupire ispirato alle opere dell’artista visivo toscano Giorgio Brogi. Viva Opera Circus debutta in regione con Il canto dell’anima, spettacolo ispirato da Hermann Hesse con la tecnica del teatro danza e pittura dal vivo. E poi ancora Cibi fantastici di Stilema Uno-teatro, Favolosofia nr. 1 della Fondazione Teatro Ragazzi e Giovani, Pollicino di Kosmocomicoteatro e Mimì e il pane della Piccionaia – I Carrara. La stessa compagnia curerà anche il progetto Arrabbiati dedicato ai ragazzi delle scuole secondarie che sarà realizzato a Grado: lo spettacolo, tratto dal libro di Cristiano Cavina, sarà preceduto da una serie di incontri con gli interpreti.
Il TAM Teatro Musica presenterà Anima Blu – dedicato a Chagall vincitore del premio Eolo Awards per il 2007 e, segnalato nella stessa edizione del premio, sarà presente anche lo spettacolo La bella e la bestia del Baule Volante- Accademia Perduta Romagna Teatri. Non mancheranno le riprese di spettacoli già proposti lo scorso anno e ancora richiesti dalle scuole primo fra tutti Giungla di Roberto Anglisani, Zanna Bianca di Ferruccio Filipazzi, Parole matte de La linea Armonica, Olivia Paperina del CTA, La festa dei fiori del CSS, La formicuzza e lo scarafone di A ruota libera teatro e Babar di Teatro Gioco Vita.

Laboratori

Per quanto concerne i laboratori dedicati agli alunni si deve registrare un aumento di interesse da parte delle scuole e una sempre maggiore articolazione delle richieste, nonostante il periodo di indubbia difficoltà determinato dall’attuazione della riforma della Scuola. Si prevede di realizzare oltre 300 giornate di laboratorio con la partecipazione di oltre 2.000 alunni.
I laboratori per gli alunni nel 2009 vogliono essere una proposta approfondita e diversificata di sperimentazione nei linguaggi del teatro fin dall’articolazione degli incontri che, accanto al lavoro con i bambini, lasciano sempre ampio spazio al confronto fra operatori e insegnanti affinché le competenze e le metodologie possano farsi strumenti acquisiti della didattica al di là dell’occasione limitata del laboratorio. In particolare nel 2009 con il laboratorio 'L’importante è avere una storia' a cura di Michele Polo e Suomi Vinzi inaugureremo anche un utilizzo del sito del Teatro&Scuola a servizio di un dibattito e un confronto concreto con gli insegnanti sulle problematiche del fare teatro con i bambini e i ragazzi. Molti infine sono i laboratori costruiti 'ad hoc' a servizio di specifici territori che coinvolgono gli alunni in percorsi complessi progettati in concorso con gli insegnanti di riferimento e che rappresentano dei nuclei omogenei di lavoro e sperimentazione.

Aggiornamento insegnati.

Si conferma e si consolida l’impegno nella formazione dei docenti del Teatro&Scuola attraverso un’articolata proposta di laboratori, seminari e momenti d’incontro, realizzati con il riconoscimento dell’Ufficio Scolastico Regionale per il FVG; ricerca di collaborazioni con altri enti formativi, in particolare con le scuole riconosciute di teatro regionali e con l’Università. Anche nell’ambito della formazione degli insegnanti dobbiamo, forse in controtendenza rispetto alle aspettative, registrare un sostanziale aumento della richiesta da parte degli insegnanti di percorsi formativi approfonditi e articolati. Nel corso del 2009 inoltre prenderà avvio concreto una collaborazione fra l’ERT FVG e la Facoltà di Scienze della formazione di Udine per l’ampliamento dell’offerta formativa dell’Università nell’ambito dei linguaggi artistici e del teatro. Si prevede di realizzare 20 laboratori per gli insegnanti per circa un centinaio di giornate di lavoro cui parteciperanno oltre 400 insegnanti dei nidi, delle scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado.

Progetti speciali

Davvero molti e diversi, saranno anche nel 2009 i progetti speciali come sempre un motore propulsivo e stimolante per il progetto e i suoi operatori. Ecco sinteticamente l’elenco dei progetti speciali 2009.
Progetto NIDI D’INFANZIA
UN TEATRO FANTASMA: continuiamo a salire!
A cura di Roberto Frabetti – La Baracca –Testoni Ragazzi (Bologna)

Concretamente il progetto si articolerà in una serie di incontri di lavoro e aggiornamento per gli educatori dei nidi curato da Roberto Frabetti; gli incontri sono aperti alla partecipazione di tutti anche se il progetto è impostato principalmente come attività di ricerca. Il gruppo di ricerca si fonda sulla partecipazione costante di 20 educatrici provenienti dai nidi delle provincie di Udine, Pordenone e Gorizia. Accanto al lavoro di ricerca e di aggiornamento che porterà ad una dimostrazione pubblica alla fine dell’anno scolastico di presentazione dei risultati si realizzeranno nei nidi regionali circa 20 repliche di spettacolo che coinvolgeranno oltre 500 bambini ed insegnanti. Nell’ambito del progetto Teatro Fantasma infine l’ERT FVG collaborerà fattivamente alla realizzazione del Primo Festival Internazionale di teatro per l’infanzia Cornici Zerosei del Comune di Trieste che si svolgerà nell’autunno 2009 e sarà preceduto da un’anteprima realizzata a gennaio al Teatro Rossetti di Trieste.

'MAT+S – Musica Arte Teatro+Scienza 2009: TUTTI GIU’ PER TERRA!'
A cura di Luisa Vermiglio, con la partecipazione di Marta Cuscunà
In collaborazione con il Comune di Monfalcone

Edizione dedicata alla Terra che coinvolgerà come sempre le scuole primarie di Monfalcone e di cui vedremo i risultati a maggio al Teatro Comunale di Monfalcone. Nel progetto sono coinvolti oltre 350 alunni. Nell’ambito del MAT+S inoltre si avvierà una collaborazione con il CIRD Centro Interdipartimentale di Ricerca Didattica dell’Università degli Studi di Udine per lo sviluppo di progetti di didattica delle scienze e teatro.

Progetto VideoSet Ragazzi
A cura di Leila Cavalli, con la collaborazione di Lialiana Molinaris
Con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Udine e Pordenone e del Comune di Udine

Il progetto dedicato all’educazione al linguaggio cine-televisivo è articolato, come di consueto, in una serie di laboratori video per gli alunni (Fare TV, Fare Cartoni Animati, Le Avventure di due macchioline) e di progetti speciali fra cui spiccano la rubrica televisiva dedicata al libro CILIEGIE, la trasmissione radioweb RADIOSVEGLIA e la mostra interattiva 'OCCHIO IN CAMERA' che verrà allestita nell’autunno 2009 all’avvio dell’anno scolastico. Il progetto coinvolgerà oltre 500 alunni.

Progetto Teatro di Voci A cura di Grazia Abbà e Roberto Piaggio In collaborazione con USCI FVG

Progetto dedicato ad approfondire le tematiche dell’utilizzo del coro in forma teatrale, si articolerà in due percorsi, l’uno dedicato all’aggiornamento insegnanti che vedrà la partecipazione di oltre 40 docenti, e l’altro dedicato ad un lavoro con gli alunni sul tema delle 'Favole al telefono' di Rodari. Nel percorso produttivo, riservato alle scuole i cui insegnanti hanno già partecipato al percorso formativo, saranno coinvolte 5 scuole con oltre un centinaio di alunni che presenteranno il proprio lavoro alla fine dell’anno scolastico. Il progetto vede la collaborazione con l’USCI – Unioni Società Corali Italiane del Friuli Venezia Giulia.

Progetto Teatro Fatto di Niente
A cura di Roberto Piaggio

Il progetto coinvolgerà 5 classi delle scuole primarie per un totale di oltre 100 alunni. Progetto rivolto alla scuola primaria dedicato al 'fare con niente' che da quattro anni coinvolge ragazzi e insegnanti in un percorso a cadenza pluriennale che pone l’accento più sull’aspetto propedeutico e di approfondimento teorico che su quello dell’immediata realizzazione di una rappresentazione teatrale. 'La semplicità è l’obiettivo finale di ogni nostro sforzo: noi dovremmo sempre impegnarci affinché pensieri e gesti siano semplici, e dunque armoniosi e giusti. La semplicità è il miele prodotto dal lavoro complicato dell’alveare' (C. Brancusi) Infine verrà avviato in fase sperimentale il progetto 'Oltre la porta' per la realizzazione di rassegne di spettacolo e di una serie di attività per l’aggiornamento insegnanti delle scuole di lingua italiana in Slovenia e in Croazia. Il progetto vede la collaborazione dell’Università Popolare di Trieste e dell’Unione Italiana di Fiume.
Le collaborazioni con gli organismi di produzione regionale.
Il 2009 infine vedrà il Teatro&Scuola impegnato ad approfondire ulteriormente le collaborazioni e le sinergie con i soggetti che a diverso titolo si occupano di teatro ragazzi in regione poste in essere nel corso del 2008. Tali collaborazioni sono state avviate per ottimizzare gli interventi sul territorio a favore delle scuole e razionalizzare le risorse disponibili affinché tutto il territorio regionale possa, godere del progetto. Fra le collaborazioni ricordiamo in particolare i protocolli d’intesa in materia di teatro ragazzi firmati fra l’ERT FVG e le maggiori compagnie di produzione regionale che si occupano anche di ospitalità quali: Ortoteatro per la provincia di Pordenone, CSS per la provincia di Udine, CTA per la provincia di Gorizia e La Contrada per la provincia di Trieste.

Un’ultima nota: PICCOLIPALCHI

Il piccolo circuito di rassegne domenicali per le famiglie dell’ERT FVG 'Piccolipalchi' in tre edizioni è diventato un appuntamento atteso e apprezzato in regione. Mentre la crisi economica sembra rallentare la crescita delle presenze al teatro 'adulto', i PiccoliPalchi testimoniano un deciso aumento di richieste e di presenze tanto da indurre sempre più piazze a inaugurare questa sezione per i più piccoli. Così anche per il 2009 si rinnova l’impegno dell’ERT FVG in quest’ambito. La stagione 2008/2009, avviata in autunno è articolata in 10 rassegne (Artegna, Casarsa, Codroipo/Lestizza, Grado, Monfalcone, Premariacco, Tolmezzo, Zoppola, Maniago e San Vito al Tagliamento) cui si prevede di aggiungere nell’autunno 2009 almeno altre due piazze in base alle richieste già pervenute. La stima delle presenze per il 2009 è di oltre 5.000 spettatori paganti per circa 60 appuntamenti. Anche per il 2009 inoltre i Piccoli Palchi confermano la volontà – programmatica - di dare il più ampio spazio possibile alle compagnie di produzione della regione impegnate nel Teatro Ragazzi che realizzano circa i tre/quarti delle repliche in programma.
Piccoli Palchi 2009 è poi 'Premio del pubblico': i piccoli spettatori, al termine di ogni spettacolo, vengono infatti chiamati ad esprimere il proprio parere e ad eleggere lo spettacolo migliore dell’anno che viene premiato all’avvio della stagione successiva.
Proseguirà inoltre il grande impegno per la diffusione e consolidamento nell’ambito dei Piccoli Palchi del progetto di educazione alla visione 'q.b. – quanto basta per andare, stare e tornare a teatro'; il progetto - ideato e realizzato nell’ambito del Teatro&Scuola - è dedicato alla cura del contesto complessivo dell’esperienza dell’andare a teatro da parte dei bambini e dei ragazzi. Q.b. nell’ambito di Piccoli Palchi si concretizza in una serie di materiali pensati e realizzati ad hoc per i bambini e per gli accompagnatori ed in un’attività di accoglienza/animazione realizzata dal personale di sala che prepara all’entrata e alla visione. L’attività del q.b. riscuote un profondo consenso sia fra il pubblico sia fra le compagnie che constatano come il Friuli Venezia Giulia risponda preparato all’incontro con il Teatro. Nell’ambito delle rassegne per le famiglie infine ricordiamo anche per il 2009 la partecipazione in qualità di consulenza artistica alla rassegna del Teatro Nuovo Giovanni da Udine di Udine 'A teatro da Giovanni' e in termini di contributo economico alle rassegne di Gorizia 'Pomeriggi d’inverno' a cura del CTA.


Progetti speciali 2009
Nati per approfondire la riflessione sulla valenza formativa del 'fare teatro per e con i ragazzi', i progetti speciali di Teatro&Scuola sono laboratori permanenti sui diversi linguaggi dello spettacolo dal vivo.

TEATRO FATTO DI NIENTE Laboratorio annuale per i bambini della scuola primaria e i loro insegnanti A cura di Roberto Piaggio
VIDEOSET RAGAZZI Da un’idea di Claudio Cavalli A cura di Leila Cavalli
OCCHIO IN CAMERA Mostra interattiva sul linguaggio cine-televisivo per gli alunni della scuola primaria e secondaria di primo grado Nell’ambito del Progetto speciale Videoset Ragazzi
CILIEGE. Un libro tira l’altro La rubrica televisiva di promozione della lettura interamente realizzata dai ragazzi Nell’ambito del Progetto speciale Videoset Ragazzi
FARE TV Per i bambini e i ragazzi della scuola primaria e secondaria di primo grado
LE AVVENTURE DI DUE MACCHIOLINE Laboratorio/animazione sul cartone animato e il video racconto animato per i bambini della scuola dell’infanzia e primaria (classi I e II)
CARTONI ANIMATI Laboratorio di aggiornamento per insegnanti della scuola dell’infanzia, della scuola primaria e della scuola secondaria di primo grado
M.A.T. + S. Musica, Arte, Teatro + Scienza 2009. Tutti giù per terra! A cura di Luisa Vermiglio. Per le scuole primarie di Monfalcone. In collaborazione con e con il sostegno del Comune di Monfalcone
UN TEATRO FANTASMA A cura di Roberto Frabetti – Compagnia La Baracca (Bologna) In collaborazione con I.R.S.SE.S – Istituto Regionale per gli Studi di Servizio Sociale.
TEATRO DIO VOCI A cura di Roberto Piaggio e Grazia Abbà In collaborazione con U.S.C.I. – Unione delle Società Corali del Friuli Venezia Giulia U.S.C.I. Pordenone Per le scuole delle province di Pordenone e Gorizia


Stampa pagina  Link alla pagina

Segnala questo articolo ad un amico:

Tuo nome

Tua mail

Nome amico

Mail amico




Torna alla lista